Incontro di educazione stradale consapevole con Alessio Tavecchio – “Progetto Vita”

Incontro di educazione stradale consapevole con Alessio Tavecchio – “Progetto Vita”

Il 10 gennaio 2019 gli studenti delle classi quinte hanno incontrato nell’Aula Magna della sede di Rigone Alessio Tavecchio. Dal 1998 è fondatore e presidente della “Fondazione Alessio Tavecchio ONLUS”. Da diversi anni è tenacemente impegnato con il “Progetto Vita” in percorsi educativi e formativi nelle scuola italiane.

Tavecchio, facendo riferimento alla propria esperienza personale, ha coinvolto i ragazzi in un interessante discorso sull’attenzione che è necessario prestare per guidare in sicurezza. Egli ha usato termini chiari, comuni e, proprio per questo, forti e stimolanti. Ha parlato dello stato di smarrimento nel quale si trova chi viene nuovamente inserito in una quotidianità che non sente più sua, di timore e insicurezza per il futuro, di senso di abbandono da parte delle istituzioni e del sentirsi un peso che grava sulla famiglia. Sono parole davvero toccanti per i giovani neopatentati, che muovono i primi incerti passi sulla strada. Per questo Alessio invita a essere consapevoli di come comportarsi alla guida, di prestare sempre attenzione ai pericoli anche quando condurre un’automobile o una moto è diventata ormai un’abitudine.

Non è mancata l’occasione per parlare dell’ultimo libro di Tavecchio, “Il ragazzo che nacque due volte”, il racconto di una rinascita apparentemente impossibile, ma così bella da sembrare inventata.

Il messaggio di Alessio Tavecchio è un inno al coraggio: siate cauti alla guida come nella vita, ma perseverate nei vostri desideri, abbiate fiducia in voi stessi e siate il cambiamento che vorreste vedere.

Sara Balboni, 5N