GLI STUDENTI DEL “CEVOLANI” E DEL “BASSI BURGATTI” AL MEP

GLI STUDENTI DEL “CEVOLANI” E DEL “BASSI BURGATTI” AL MEP

GLI STUDENTI DEL “CEVOLANI” E DEL “BASSI BURGATTI” AL MEP

 Anche quest'anno la delegazione centese era presente alla sessione regionale MEP!

Nei giorni 2,3 e 6 Maggio, infatti, la città di Carpi ha ospitato un centinaio di ragazzi provenienti da tutta l'Emilia Romagna e dal Convitto nazionale Cicognini di Prato che si sono fronteggiati in maniera pulita e corretta. La nostra delegazione composta da M. Colletti, N. Jacote, A. Chiarini, S. Bregoli, G. Loconte, C. Serra, N. Pirani e S. Bertoldi per il Cevolani e D. Mach e T. Grazioli per l'Isit si è distinta per empatia, simpatia e per la grande cooperazione dimostrata. 

Lo spirito all'interno della delegazione è stato stupendo, ci si sentiva parte di una grande famiglia e ognuno dei delegati è stato un fondamentale punto di riferimento in caso di necessità. La nostra rappresentativa è stata un esempio di spirito MEP: tutti i ragazzi si sono dimostrati in grado di interagire in maniera attiva con gli altri delegati sia dal punto di vista professionale che dal punto di vista umano; si sono instaurati rapporti molto forti che per la breve durata dell'esperienza non si credevano possibili. 

Gli agguerritissimi centesi hanno dimostrato voglia di mettersi in gioco, superando i propri limiti e spendendosi a pieno per le rispettive commissioni. L'esperienza è stata molto formativa poiché ha permesso di conoscere tematiche complesse e spesso delicate che necessitano di risolutive organiche e dettagliate, cosa che i delegati hanno fatto con il massimo impegno. 

Oltre che dal punto di vista "culturale" è stata un'esperienza che ha messo noi ragazzi davanti a realtà diverse, anche se così vicine, e a modi di pensare molto differenti; lo scopo del MEP è proprio quello di far conoscere ambienti diversi a tutti i ragazzi, garantendo una maggior conoscenza e un maggior spirito di collaborazione nel pieno degli obiettivi dell'UE. 

Ma la delegazione di MEP CENTO si è contraddistinta anche per la grande simpatia: abbiamo esordito con una di quelle battute che hanno fin da subito chiarito le nostre idee, infatti, eravamo 10, ma valevamo al quadrato!

L'esperienza non sarebbe stata così favolosa se non ci fosse stata la perfetta organizzazione delle professoresse Rinaldi, Bulgarelli, Vivarelli e Valentini e l'indispensabile aiuto delle nostre ragazze I. Brandari e R. Diana. 

Un grande grazie va alla città di Carpi che ha ospitato una delle sessioni MEP più intense e organiche che ha regalato mille emozioni e altrettanti ricordi stupendi! 

Grazie logicamente a MEP ITALIA, al comitato inter-regionale Emilia-Romagna/Toscana e a tutti i colleghi delegati!

                                                                                                                                                                         D.MACH